La Petite Robe. P|E 2016

La  Primavera/Estate 2016 de La Petite Robe è un omaggio al giardino fiabesco della mia infanzia. Trasformo le suggestioni del passato in una storia moderna, scritta dalle donne come me. Nella Collection germoglia il seme di un’ eleganza classica. Il bianco e nero predominano in giochi geometrici di volumi e in regolari pentagrammi di righe, cucite o stampate in una stripestory. La baschina black&white interpreta asimmetrie morbide insieme alla tunica, mentre lo spolverino ed il pantalone palazzo ristabiliscono l’ordine di una formalità metropolitana. Irrompe la pelle da discreti intagli ricamati e, con maliziosa seduttività, dagli occhielli e dagli anelli delle scollature; irriverente la stampa zebra gioca con l’abbinamento super fitting dei leggings con il top. Si ricompone il revival del classic grazie all’impalpabile delicatezza del pizzo ricamato e del tulle adottati nelle leggere corolle e mantelline che dondolano all’avanzare dei passi. Per le spalle un nodo di romanticismo: il tessuto jersey stretch de La Petite Robe si stringe in fiocchi dalle soffici ali e si arriccia in una nuova gioiosa manica a sbuffo. Sui  tubini dalle textures materiche, ho disegnato una rete di forme in rilievo, l’effetto è da accarezzare. L’ azalea, il verde alga, il lime, l’arancio, l’aragosta fanno immersione nel blu mare e nel turchese della cartella colori. Insieme esplodono in una combinazione di energia nelle stampe Kaleidoscope, Summer Dream e Batik. Continua il viaggio esotico con le fioriture print dell’Oriental Blossom, le ordinate applicazioni oro antico e quelle vitree che evocano gli azzurri tropicali. Ballano spensierati i volant bicolore nelle sere d’estate. Chiudo gli occhi e mia madre mi guida, in questo giardino, alla scoperta di un angolo di  dolce femminilità. Per la Couture P/E 2016 nasce in grembo alla terra una palette di sfumature intense dai toni del lampone a quelli del pesca. E’ il mio roseto fatto di foglie esili ricamate sul tulle, di cedevoli baschine petalo, di gonfi boccioli di tessuto che si aprono nel movimento del giromanica e di rose mature che introducono la ricchezza delle code. Fioriscono da profondi scolli a cuore le silhouette a sirena che concedono la parola al corpo. Sotto le ampie lunghe gonne, si contrappongono, come steli sinuosi, le linee dei pantaloni. Onde e lampi di luce accendono con piccole pailettes e ricami gioiello gli abiti di notte. Al limitare di questo fragile mondo di fiaba colgo il profumo della sua essenza. E’ un ricordo impalpabile in cui spicco il volo con trasparenti ali di farfalla per planare dolcemente sui sogni. La loro fragranza è libertà.

 

Seguici su Instagram
@lapetiterobemi

Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list!
Riceverai in anteprima tutte le novità de La Petite Robe.